Comunicato Stampa su "Satanismo" a Sanremo

Le associazioni italiane CeSAP e FAVIS, affiliate alla “Federazione Europea dei Centri di Ricerca e Informazione su Culti e Sette” (FECRIS) prendono una chiara e netta distanza dalle dichiarazioni di Don Aldo Bonaiuto, presentato dalla stampa come “coordinatore” del “forum anti-sette”, sullo sketch della soubrette Virgilia Raffaele sul palco di Sanremo per il quale egli ha parlato di “rituale satanico”.

Riteniamo fondamentale che l’opinione pubblica sappia che il sacerdote esprime interpretazioni e opinioni personali e non condivise dal movimento che contrasta le derive settarie in Italia.

Si ritiene, inoltre, che la prioritaria insistenza su un fenomeno minoritario rischi di ingenerare un infondato allarme sociale e di far passare sotto silenzio il problema della enorme mole di culti totalitari che non hanno alcuna attinenza con la supposta venerazione del Signore delle Tenebre e relativo lugubre immaginario.

Si ritiene, altresì, che ciò comporti la sottovalutazione del fenomeno invece preoccupante della diffusione di culti abusanti a carattere spirituale e non, sostenuta anche da veri e propri gruppi di pressione politica.

Si ricorda, a tal proposito, che l’Italia non ha mai tenuto conto delle Raccomandazioni europee in tema di derive settarie e di difesa dei minori nei gruppi abusanti, come più volte lamentato dal rappresentante FECRIS presso l’ Office for Democratic Institution and Human Rights dell’OSCE.

Stampa