Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Interrogazione Parlamentare con Risposta su Narconon

ATTO CAMERA

INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA 4/02322

Dati di presentazione dell'atto
Legislatura: 16
Seduta di annuncio: 134 del 17/02/2009
Firmatari
Primo firmatario: LENZI DONATA
Gruppo: PARTITO DEMOCRATICO
Data firma: 17/02/2009
Elenco dei co-firmatari dell'atto
Nominativo co-firmatarioGruppoData firma
ZAMPA SANDRA PARTITO DEMOCRATICO 17/02/2009
CODURELLI LUCIA PARTITO DEMOCRATICO 17/02/2009
ROSATO ETTORE PARTITO DEMOCRATICO 24/02/2009
Destinatari
Ministero destinatario:
  • PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI
  • MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI
Attuale delegato a rispondere: PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI delegato in data 17/02/2009
Stato iter:
CONCLUSO il 16/03/2009
Partecipanti allo svolgimento/discussione
RISPOSTA GOVERNO16/03/2009

GIOVANARDI CARLO SOTTOSEGRETARIO DI STATO ALLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI
Fasi iter:
APPOSIZIONE NUOVE FIRME IL 24/02/2009
RISPOSTA PUBBLICATA IL 16/03/2009
CONCLUSO IL 16/03/2009
Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-02322
presentata da
DONATA LENZI
martedì 17 febbraio 2009, seduta n.134

LENZI, ZAMPA, CODURELLI e ROSATO. -
Al Presidente del Consiglio dei ministri, al Ministro del lavoro, della salute e delle politiche sociali.
- Per sapere - premesso che:
le Comunità terapeutiche Narconon sono strutture terapeutiche e di riabilitazione da droghe e alcol, legate alla controversa setta americana, Scientology, ideata da Ron Hubbard, setta accusata, in diversi Paesi del mondo, di frode, induzione al suicidio, pubblicità ingannevole, associazione a delinquere;
in Italia, nel 1998, il Dipartimento di pubblica sicurezza del Viminale, ha avviato un'indagine sulle sette, pubblicando un preoccupante rapporto, nel quale a Scientology viene dedicato lo spazio più ampio. E sempre in Italia, nel novembre 2004, un ex dirigente della Chiesa di Scientology è stato riconosciuto responsabile del reato di estorsione ai danni di un giovane di 19 anni - poi suicidatosi (18/2/97) - ed è stato condannato dal Tribunale di Cagliari a 4 anni e 6 mesi di carcere;
è notizia di questi giorni che queste comunità terapeutiche sono annoverate tra gli interlocutori ufficiali del Governo italiano, in relazione alle pre-consultazioni che stanno precedendo l'organizzazione della V Conferenza nazionale sulle tossicodipendenze, prevista dal 12 al 14 marzo prossimo a Trieste;
già lo scorso 18 luglio, in un incontro organizzato dal sottosegretario con delega alle tossicodipendenze, Carlo Giovanardi, le comunità terapeutiche Narconon, hanno acquisito ufficialmente diritto di parola in un contesto governativo. In Italia lo Stato attraverso le Regioni richiede alle comunità terapeutiche standard molto elevati, per le strutture, per il personale e per il livello dei programmi educativi e di recupero applicati, il tutto per una retta che nella maggior parte dei casi non supera i 45 euro al giorno. Inoltre esegue controlli rigorosi;
diversamente le comunità Narconon non sono accreditate, non hanno in essere nessuna convenzione con lo Stato, richiedono somme esose a chi aderisce ai loro programmi e i loro metodi sono alquanto discutibili;
Narconon, inoltre, è considerata generalmente fuori da ogni consesso scientifico e istituzionale a livello europeo: non è stata ammessa nel Forum of Civil Society, un coordinamento di 35 grandi associazioni che operano sulle dipendenze costituito dalla Commissione europea -:
se non reputi inopportuno e pericoloso considerare come interlocutore, su una questione delicata come la riabilitazione dagli stupefacenti, un'associazione come Narconon, alla luce di tutti gli episodi discutibili denunciati in premessa;
se non ritenga che si debba chiedere a tutti coloro che lavorano in questo delicato settore gli stessi alti livelli di qualità.
(4-02322)
Atto Camera

Risposta scritta pubblicata lunedì 16 marzo 2009
nell'allegato B della seduta n. 146
All'Interrogazione 4-02322 presentata da
DONATA LENZI

Risposta. - Gli interroganti, alla luce di alcune presunte censure mosse nei confronti della setta americana Scientology, asseritamente collegata a Narconon, chiedono al Governo di chiarire circa l'opportunità di considerare tali comunità terapeutiche quali interlocutori del Governo sulle delicate questioni della riabilitazione dagli stupefacenti nella fase di interlocuzione antecedente alla conferenza di Trieste.
Viene, inoltre, chiesto se lo stesso Governo non debba richiedere ai soggetti che operano nel settore del recupero i medesimi elevati livelli di qualità nelle prestazioni socio-sanitarie e negli interventi.
A tal proposito, come riportato da alcune agenzia di stampa del giorno 16 febbraio 2009, lo stesso capo del dipartimento per le politiche antidroga della Presidenza del Consiglio dei ministri, smentendo le voci di un diretto coinvolgimento dell'organizzazione Narconon nelle pre-consultazioni in vista della conferenza di Trieste, ha dichiarato di aver incontrato i rappresentanti di Narcotici Anonimi e Co-Dipendenti Anonimi ma di non aver avuto alcun contatto con i responsabili o referenti delle comunità terapeutiche facenti capo alla citata Narconon.
Il dottor Serpelloni ha, inoltre, chiarito che l'associazione Narconon non ha mai chiesto di essere inclusa nelle consultazioni preliminari alla conferenza e che le allarmistiche dichiarazioni del dottor Coletti sono senz'altro frutto di un malinteso o di una sovrapposizione di sigle o denominazioni.
È stata, invece, confermata la partecipazione e l'intervento di Narconon all'incontro con le comunità terapeutiche italiane svoltosi a Roma il 18 luglio 2008. In quell'occasione le convocazioni e gli inviti furono predisposti sulla base degli elenchi e degli albi regionali degli enti ausiliari al fine di consentire la più ampia e diffusa partecipazione di tutte le realtà del privato sociale esistenti sul territorio.
Come facilmente riscontrabile, nell'elenco della regione Puglia, nella posizione n. 60, è presente, infatti, l'associazione denominata «Narconon - Il Gabbiano» iscritta con determinazione del dirigente n. 266 del 12 maggio 2005, pubblicata sul BURP (Bollettino Ufficiale Regione Puglia) n. 79 del 12 giugno 2005.
Quanto all'invito a pretendere alti livelli di qualità nelle prestazioni di coloro che si battono per strappare le persone dalla loro tossicodipendenza, il Governo se, da una parte, è certamente determinato a migliorare i sistemi di valutazione dei risultati ottenuti nonché la circolazione delle informazioni scientifiche e delle buone prassi, tanto nel servizio pubblico quanto nel privato sociale, dall'altra, è altrettanto impegnato a garantire la sopravvivenza della tantissime comunità terapeutiche che, pur strette in endemiche difficoltà di carattere economico, rappresentano oggi, in Italia, non solo un esempio di efficienza e di integrazione ma anche una delle più nobili e tangibili espressioni di dedizione e di servizio verso il prossimo in difficoltà.

Il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri: Carlo Giovanardi.
Classificazione EUROVOC:
CONCETTUALE:
centro medico, gruppo religioso, sicurezza pubblica, tossicomania
SIGLA O DENOMINAZIONE:
SCIENTOLOGY



http://banchedati.camera.it/sindacatoispettivo_16/showXhtml.Asp?idAtto=9530&stile=6&highLight=1

StampaEmail

Contact Us

CeSAP

Centro Studi Abusi Psicologici ONLUS
Sede Legale: via Lecce, 71 - 73029 Vernole (LE)
Telefono : +39  080 2149694 (temporaneamente sospeso in attesa di nuovo numero)
Fax : +39  080 247 4961
Mobile : +39 338 2396939 (n. temporaneo)
email:

Cms

Support Web Site

For any problems pease contact me
Click on the Link and write a Mail
Thanks Web Master