Teorie e Tecniche di Arkeon

Re:Teorie e Tecniche di Arkeon

Messaggioda psiche1968 » 13/12/2008, 20:22

Leggendo la testimonianza lasciata di recente da Massimiliano su ADUC di cui riporto un estratto:

\"In sintesi, mi hanno dato del pazzo, del disgraziato, e negano certi avvenimenti che a me non fanno accaponare la pelle, mi fanno vomitare, grazie a questi individui , il divino, il sacro, la preghiera, la lealtà, l\'amicizia, sono stati fatti merce di scambio per il loro propio interesse: soldi, donne....\"

mi sembra di notare una costante che si ripete tra i metodi e gli espedienti addottati abitualmente in Arkeon & Rami varianti dello stesso albero e nei gruppi settari più in generale: dare del pazzo o bisognoso di cure psicologiche a chi porta verità scomode.

E\' una tecnica che ho visto addottare di recente anche da Stefano74 su Firs. Sarà un caso?
psiche1968
Utenti Registrati
 
Messaggi: 678
Iscritto il: 22/01/2010, 13:43

Re:Teorie e Tecniche di Arkeon

Messaggioda silviaba » 17/12/2008, 6:33

Caro Tiresia,
di cerchi di Lasciar Andare ne ho fatti parecchi, non ho più una mia fotografia dell\'adolescenza, tutto bruciato, abito nuziale, album, ecc. ecc... quando sono arrivata io la prassi del \"dono\" era già in auge; quando ti iscrivevi per l\'intensivo ti veniva detto di portarti cose vecchie da lasciar andare e cose di valore da donare (non necessariamente all\'associazione). Riconosco in pieno anche il concetto della \"purificazione\" delle eredità e, anche se nel mio caso non si trattava di eredità, ti racconto la mia. Ho un appartamento di mia proprietà di circa 84 mq. nel quale ho vissuto con mio marito per quattro anni e mezzo. Mi separo per andare a vivere in comunità col mio maestro e altri seguaci, cominciano pressioni perchè l\'appartamento non si vende, motivo: permetto al mio ex marito di viverci ancora dentro, devo sbatterlo fuori. Lo sbatto fuori. Prendo accordi con lui di quanto gli viene alla vendita anche se l\'appartamento non è intestato a lui. Quando la cosa si sta per fare vengo convocata nell\'ufficio del maestro il quale mi convince che se la casa è intestata a me vuol dire che quella energia è solo mia e al mio ex non devo dare proprio niente, se gli do qualcosa è come se tradissi la mia nuova famiglia. Risultato, mi tengo tutto però siccome l\'appartamento riguarda la mia vecchia vita, per far si che i soldi si purifichino li devo dare tutti alla comunità e io rimango in mutande.
Per certo so che chi come me lavorava (14/18 ore al giorno) e viveva nel gruppo non aveva un soldo in tasca: non si percepiva alcun compenso per il lavoro svolto, ero costretta a chiedere di comprarmi gli assorbenti o lo shampoo o il bagnoschiuma piuttosto che i fazzoletti di carta….............
Ricordo che un giorno di marzo del 2000 siamo stati tutti convocati alla presenza del maestro e di suoi fidi, interrogavano uno per uno i membri della comunità che dovevano esattamente dire quali fossero i loro averi, e anche gli averi dei genitori, ed impegnarsi a portarli nella comunità pena l’espulsione richiedendo anche anticipatamente, cioè prima della loro morte, le eredità ai genitori stessi.
Ricordo che pochi giorni dopo ho venduto il mio appartamento e ne ho portato il ricavato alla comunità, ovviamente in contanti , e alcuni giorni più tardi, ancora spaventata dall’interrogatorio subito, ho consegnato personalmente al maestro un cofanetto contenente gioielli per la maggioranza in oro, e anche argento, che risalivano ancora alla mia prima comunione, cresima, diciottesimo compleanno e matrimonio (del valore di circa una ventina di milioni di lire, perle, brillanti e altro) per paura che mi succedesse qualcosa se si fossero accorti che possedevo ancora qualcosa e non ne avevo parlato.
Per riallacciarmi al tema portante, il lasciar andare, nel corso degli anni ho bruciato tutta la documentazione che avrebbe potuto fungere da prova certa (tipo tutti i documenti bancari, matrici di assegni circolari e via dicendo)....... col senno di poi posso affermare che il \"lasciar andare\" è studiato appositamente per non \"Lasciare Tracce\"..........
silviaba
Utenti Registrati
 
Messaggi: 10
Iscritto il: 22/01/2010, 13:44

Re:Teorie e Tecniche di Arkeon

Messaggioda mariangela » 17/12/2008, 11:57

cara Silvia,
ho letto questa tua testimonianza e l\'ho trovata agghiacciante. mi chiedo come questi individui potessero pensare di poter agire indisturbati, quale sia il delirio di onnipotenza, la bramosia di potere e di guadagno che li ha convinti che nessuno, prima o poi, si sarebbe reso conto della loro disonestà e gliene avrebbe chiesto conto...
credo che effettivamente U.C e la sua \"città della luce\", meritino un post a parte, pur restando qui nella sezione Arkeon. è veramente illuminante confrontare le due esperienze.

buone feste a tutti i foristi.
mariangela
Utenti Registrati
 
Messaggi: 28
Iscritto il: 22/01/2010, 13:44

Re:Teorie e Tecniche di Arkeon

Messaggioda tritri » 19/04/2009, 22:34

Oggi sono inciampata in un blog di un certo articolo 21 (arkeoniano convinto) il quale
definisce :
[color=#825900]gli scritti di Tiresia sono considerati una delle principali descrizioni uffciali critiche di Arkeon, scritte peraltro solamente da una persona che si definisce ex e mai verificati da esterni[/color]
Vorrei sapee a chi si riferirebbe con la frase mai verificati da esterni.
Io e tante altre persone abbiamo letto con attenzione ciò che Tiresia proprio in questo topic ha scritto ed [color=#FF0000]abbiamo confermato [/color]di aver subito paro paro lo stesso trattamento.
Non conta vero?
Non conta che lo abbiano confermato degli ex maestri perchè sono usciti dal gruppo?
Conterà quando ce lo chiederanno nelle sedi più opportune ?
Attendiamo sulla riva del fiume
tritri
Utenti Registrati
 
Messaggi: 401
Iscritto il: 22/01/2010, 13:43

Re:Teorie e Tecniche di Arkeon

Messaggioda Carlo » 28/04/2009, 18:51

A me, come ex maestro e come persona informata sui fatti hanno già chiesto, presso la DIGOS di Milano, cosa pensavo degli interventi di Tiresia e se potevo confermare quanto lui sosteneva, e io non solo l\'ho potuto confermare, ma ho circostanziato meglio ciò che conoscevo e ho chiarito da che cosa ero stato tenuto al di fuori, per non creare equivoci anche nei confronti della mia vita privata e professionale. Ma ripeto qui e assicuro che \"inesattezze\" negli scritti di Tiresia sono solo quelle che lui stesso definisce tali quando dice \"questo non lo ricordo bene\" o \"di questo non sono sicuro\" o \"questo mi è stato riferito\" TUTTO il resto è VERISSIMO E PRECISO!!!
Carlo
Utenti Registrati
 
Messaggi: 116
Iscritto il: 22/01/2010, 13:43

Re:Teorie e Tecniche di Arkeon

Messaggioda simbolico » 28/04/2009, 20:24

Mi associo e ondivido quello che Carlo ha scritto, oltre ad avere fornito altri particolari in sede di interrogatori, come persona a conoscenza dei fatti. In altra sede costituito parte civile, non animato chissà da quali \" pupari\" ma libero nella scelta. La cosa che mi ha da sempre infastidito è stato il dire che chi portava la sua esperienza negativa era manovrato, qloro verginelle stupite del mondo cattivo. Io non sapeevo, io non credevo,non potevamo vigilare etc etc. Non è vero!
Simbolico
simbolico
Utenti Registrati
 
Messaggi: 57
Iscritto il: 22/01/2010, 13:43

Re:Teorie e Tecniche di Arkeon

Messaggioda Emanuela » 12/06/2009, 19:32

Un testo che gli arkeoniani, ex e non e simpatizzanti, potranno trovare interessante : THE GURU PAPERS - di Kramer e Alstad.
Alcuni stralci del testo si trovano tradotti qui (ne riporto sotto un brano):

http://www.cesap.net/index.php?option=com_content&task=view&id=733

Una volta stabilito il legame primario con il guru, entra in gioco una potente configurazione di fattori.

La ragione apparente del nutrire l’abbandono è che esso libera i seguaci da certi condizionamenti profondi che si presume siano ostacoli sul sentiero spirituale. Ma non li stacca da uno dei condizionamenti più insidiosi e potenti: la predilezione per la ricerca di un’autorità a cui uno possa credere più che a se stesso. Al contrario, i guru lasciano felicemente intatto quel condizionamento di base. Essere l’autorità di qualcuno vuol dire essere impiantati saldamente al centro di un\'altra persona. Così sebbene la maggior parte dei guru predichi il distacco, i discepoli diventano attaccati al fatto di avere il guru come loro centro, mentre il guru diventa attaccato al potere dell’essere il centro per altri. Questi attaccamenti reciproci sono ignorati in quanto l’attaccamento al guru è considerato spirituale; e il guru, che si presume sia illuminato, è ritenuto per definizione essere al di sopra di tali attaccamenti.\" (pp. 49-50)

[Gli autori quindi procedono ad elencare alcuni tipi di scandali che tendono ad emergere in queste circostanze: (1) abuso sessuale, (2) abuso materiale, (3) l’abuso di potere e (4) l’auto-abuso. Sotto la categoria dell’abuso sessuale, essi notano \"l’inganno apparentemente innocuo per qualcuno, che coinvolgendo una parvenza di celibato o monogamia permette l’attività sessuale clandestina.\" Sotto la categoria dell’\"auto-abuso,\" essi notano la contraddizione comune che, sebbene il messaggio sia che \"il corpo è il tempio dello spirito e deve essere trattato come tale; un corpo sano è il risultato di una mente e di uno spirito sani; la tranquillità, la compassione, e il controllo emozionale sono segni dell’arrivo…\" molti leaders mostrano l’opposto: ubriachezza, obesità, vendetta, rabbia, e malattie fisiche che in altri sarebbero definite psicosomatiche, quali le allergie, le ulcere, o l’alta pressione sanguigna. Infatti, un attento esame della storia, passata e presente, di molti leaders religiosi mostra un’alta incidenza di ciò che potrebbero essere definiti indicatori auto-distruttivi\". p.51]

\"Quando gli abusi sono denunciati pubblicamente, il leader nega o giustifica i comportamenti affermando che \"i nemici della verità\" o \"le forze del male\" stanno cercando di rovesciare il suo vero messaggio. I membri del nucleo del gruppo hanno un alto interesse acquisito a credergli, in quanto la loro identità è coinvolta nel credere nella sua rettitudine. Coloro che cominciano a dubitare di lui, inizialmente diventano confusi e depressi e più tardi si sentono traditi e arrabbiati. I modi in cui la gente nega o giustifica sono simili: poiché si suppone che nessuno che non sia illuminato possa veramente capire i motivi di uno che lo è, qualsiasi critica può essere ridimensionata come proveniente da una prospettiva limitata. Inoltre, qualsiasi comportamento del guru, per quanto ignobile, può essere spiegato come un insegnamento segreto di qualche tipo o un messaggio che necessita di essere decifrato.

Ritenere i guru perfetti e quindi oltre le spiegazioni comuni, il loro presunto essere speciali, può essere usato per giustificare qualsiasi cosa. Una qualche ragione più profonda, occulta, può sempre essere ascritta a qualsiasi cosa il guru faccia . . . . Egli punisce coloro che gli disubbidiscono non per rabbia ma per necessità, come farebbe un buon padre. Egli usa il sesso per insegnare l’energia e il distacco . . . .
Perché, dopo tutto, \"una volta illuminato, uno può fare qualsiasi cosa\". Credere a quest’affermazione rende giustificabile ogni azione.

La gente giustifica e razionalizza nei guru ciò che in altri sarebbe considerato inaccettabile, perché hanno un enorme investimento emozionale nel credere che il loro guru sia puro e giusto. Perché? Perché la gente ha bisogno di immagini di perfezione ed onniscienza? Questo riporta all’intera relazione guru/discepolo che è stata impostata sull’abbandono. Un abbandono in misura elevata richiede un corrispettivo in grandi immagini di perfezione. Sarebbe difficile abbandonarsi ad uno i cui motivi non fossero considerati puri, cosa che è arrivata a significare incontaminato dall’egocentrismo. Come può uno abbandonarsi a una persona che potrebbe mettere innanzi tutto il proprio interesse? Quindi, è difficile abbandonarsi a qualcuno che può commettere errori, specialmente errori che potrebbero avere un impatto significativo sulla vita di una persona. Di conseguenza, il guru non può mai sbagliarsi, commettere errori, essere egocentrico, o perdere il controllo emozionale. Egli non si arrabbia, egli \"usa\" la rabbia per insegnare.\" pp. 52-53.

. . . . L’abbandono a Cristo e al guru hanno dinamiche simili, poiché entrambi causano sensazioni di passione, un senso di proposito, e l’immediata riduzione di conflitto e tensione. E’ difficile per i discepoli evitare la trappola di usare i loro buoni sentimenti recentemente trovati e uno stato emozionale relativamente tranquillo come verifica del fatto che il guru e la sua visione del mondo siano essenzialmente corretti. Come fanno molti, usano \"il sentirsi meglio\"come loro test al tornasole per la verità.
Il potere delle religioni Orientali e dei guru che le rappresentano è che essi offrono una figura vivente simile a Cristo da adorare [per esempio, \"don Juan\"], e danno anche la promessa che chiunque segua le pratiche adeguate potrebbe lo stesso, ragionevolmente, raggiungere quello stato elevato.\" p.54.

Notizie del libro in inglese (segnalato anche nel forum su paoletti da Piperino):

http://www.joelkramer-dianaalstad.com/The_Guru_Papers.html

Ciao e buona estate.

Post modificato da: Emanuela, alle: 2009/06/12 20:34
Emanuela
Utenti Registrati
 
Messaggi: 238
Iscritto il: 22/01/2010, 13:43

Re:Teorie e Tecniche di Arkeon

Messaggioda Carlo » 14/06/2009, 21:42

Grazie Emanuela, e buona estate anche a voi!!! La prima parte del tuo intervento spiega in modo magistrale quello che, come psicologi, abbiamo sempre avuto un po\' tutti difficoltà a capire: \"l\'assunto di base\" dell\'\"accoppiamento\" come definito da W. Bion, croce e delizia di tutti gli esami che trattavano di gruppi e di psicoanalisi all\'università. Se 20 anni fa io avessi saputo descriverlo così mi pubblicavano la tesi e mi baciavano alla discussione finale... Ma spesso si impara solo con l\'esperienza... Leonardo da Vinci diceva: \"La Sapienza è figliola della Sperienza\"... purtroppo!
Ciao!!
Carlo
Utenti Registrati
 
Messaggi: 116
Iscritto il: 22/01/2010, 13:43

Re: Teorie e Tecniche di Arkeon

Messaggioda Tiresia » 13/01/2011, 10:45

Porto sulla pagina iniziale del forum anche questo topic la cui lettura può essere utile a chi è interessato a quanto avveniva durante gli intensivi.
Prego chiunque avesse ulteriori contributi in proposito di sentirsi libero di postarli, qui o sul topic dei video.
Tiresia
Utenti Registrati
 
Messaggi: 76
Iscritto il: 22/01/2010, 13:43

Precedente

Torna a Arkeon

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite