Il corso Genio21 e l’arte di manipolare le emozioni

di Miguel Perlado


NOTA: “Il seguente articolo è stato pubblicato sul sito EducaSectas. Ed è stato scritto dal Dr. Miguel Perlado, Psicologo, Psicoterapeuta. Uno dei massimi esperti di sette in Spagna. Egli lavora come exit counselor dal 1998 e gestisce il sito EducaSectas.  La sua MAIL: informacion@educasectas.org. Lo ringrazio per avermi dato il permesso di tradurre il suo articolo in Italiano”. Pochi mesi fa, El Diario di Girona ha pubblicato un articolo che riguardava la società Genio, che offre corsi di memoria e di apprendimento veloce, per il quale ho ricevuto richieste di aiuto da parte di  famiglie e da ex collaboratori della società durante gli ultimi due anni La società in questione (precedentemente nota come Your Trainer Group o Genio in 21 giorni), è nata in Italia, sul modello di altre esistenti. Il fondatore Luca Lorenzoni, – che di solito la presenta come modello di successo da seguire – sostiene: “La mia storia è molto semplice … ma affascinante. Ho studiato Economia a Venezia, dopo il primo anno di università ho scoperto tramite un amico l’esistenza di un corso sulle tecniche di lettura veloce e di apprendimento rapido, che assicuravano l’aumento dell’efficienza mentale … quando ho fatto il corso, ho capito che la mente potrebbe essere usata in un certo modo. Ho seguito questo corso e ho iniziato a collaborare con coloro che mi hanno offerto questo servizio. E sono diventato un istruttore. Ho aperto un ufficio a Torino … Ho dovuto fare tutto da solo … ma la mia passione e la continuità sono stati gli strumenti che mi ha portato tutto questo ai miei 33 anni”. Da allora, la “compagnia di formazione personale” – come si designano – si è diffusa dall’Italia in Svizzera, negli Stati Uniti, in Inghilterra e in Spagna; nel nostro paese, sono distribuiti su Barcellona, ​​Sant Cugat, Madrid, Valencia, Siviglia e Palma di Maiorca. La reclame iniziale: tecniche di memorizzazione e apprendimento rapido, con promesse di risultati a tutti i livelli (miglioramento delle prestazioni, miglioramento degli esami durante l’apprendimento di nuove lingue o anche per svolgere un’attività commerciale). Nei prossimi giorni, li possiamo trovare nella Teaching Room di Madrid, per poi passare attraverso il concorso di Barcellona e Pamplona. In questa occasione, i collaboratori di tutta la Spagna verranno a “promuovere” i corsi di memoria tra gli studenti che frequentano questi eventi, anche se è sorprendente che gli organizzatori della Teaching Room lo permettano, dato che di solito questi tendono a lasciare il loro stand per camminare attraverso la gente,  per fare le loro dimostrazioni di tecniche di memoria rapida, al fine di iscrivere più persone alle loro future presentazioni. Ma come funziona questa azienda? Cosa offre esattamente? Perché le famiglie si preoccupano di questi corsi? E perché chiedono aiuto ad un esperto di sette? A Barcellona, ​​è possibile trovarli spesso in Plaza Catalunya, così come a Madrid sono prevalentemente nella zona di Moncloa e Fuencarral, anche se ultimamente si sono inseriti anche in alcune scuole dove possono attrarre i genitori  per corsi giovanili di memorizzazione “per migliorare negli studi“. La maggior parte delle persone che si incontrano a “promuovere” i corsi sono giovani, preparati appositamente e si rivolgono ad altri giovani per convincerli con entusiasmo che “possono migliorare le loro prestazioni o i risultati” a tutti i livelli, attraverso  una serie di tecniche di memoria. In questo primo contatto, non spiegano nient’altro, “devi viverla“, “devi venire alla presentazione è libera, non c’è nessun compromesso” o “non posso spiegare in così poco tempo un’esperienza che certamente ti cambierà la vita“. In che modo questo primo contatto funziona nella presentazione del corso? Nel primo incontro, l’istruttore mostra la prova di riuscire a memorizzare un numero molto lungo (“il numeraccio” come lo chiamano). I giovani sono abbagliati, e credono che così possono imparare qualcosa. Nonostante si pensi che la presentazione sia “una sessione libera“, dobbiamo chiarire che non è davvero una sessione libera, ma piuttosto una vendita di circa due ore e mezza, dove si è indotti a riflettere gli aspetti negativi che si hanno nella propria vita (“ancore“), pur insistendo su tutti quegli altri aspetti positivi che presumibilmente si otterranno una volta terminato il corso. Nella stessa presentazione, molte famiglie e giovani presenti,  riferiscono di un un ambiente molto emotivo sovraccarico di informazioni,  che non lascia molto tempo per pensare e con una pressione a partecipare al corso, con il pretesto che “ci sono pochi posti” o anche “se ti iscrivi ora, non costerà € 2.260, ma solo € 1.490“. Anche se dobbiamo dire che la disperazione è così grande nell’arruolare nuovi partecipanti, che se qualcuno ci mette qualche giorno a pensarci e poi decide di farlo, gli danno comunque la possibilità del prezzo più basso, per fargli sentire che ti stanno offrendo loro qualcosa di speciale. I vecchi collaboratori con cui ho avuto la possibilità di parlare, descrivono dinamiche di gruppo con forte pressione emotiva, dove l’insistenza è continuamente esercitata su conoscenti, parenti o amici, con argomenti dello stile “non c’è niente che non puoi fare“, “le persone intorno a te sono piene di energia negativa, puoi cambiarla” o “puoi fare del tuo meglio“. Da parte loro, i responsabili dell’organizzazione, di fronte alla critica che la richiesta iniziale di memorizzazione si trasforma in una sorta di corso di vendita, attraverso tecniche motivazionali ripetitive ed altamente emotive, affermano che la motivazione funziona molto perché senza un metodo di studio personalizzato, le tecniche di apprendimento non sono sufficienti“. Anche nell’articolo linkato all’inizio, uno dei suoi rappresentanti in Spagna ha fatto riferimento a sono insegnanti e li pago per fare corsi“, quando non ci sono insegnanti qualificati e non esiste neanche un contratto di lavoro. Mentre affermano ripetutamente che “nessuno è obbligato a portare qualcuno“, questa affermazione contrasta con le numerose attività in cui chiaramente si incoraggiano ad iscrivere sempre più persone ai corsi. Di fatto, tutte le attività successive alla dimostrazione iniziale sono orientate a incoraggiare continuamente i collaboratori a “trovare la loro missione, concentrarsi sulla missione“, che non è altro che reclutare e reclutare più iscritti per i corsi. Affermano di avere 5.000 studenti ogni anno, che in termini aritmetici forniscono cifre con molti zeri, un’economia non chiara e dove gran parte dei benefici va ai responsabili. Per sostenere la presunta bontà del sistema, si vantano di essere “in procinto di pubblicare un libro che conterrà più di 600 testimonianze positive“, che ci ricorda la risorsa utilizzata da molte organizzazioni di questo stile che si affidano continuamente alla sovrabbondanza di testimonianze positive e il silenziamento di quegli altri aspetti negativi, che è attribuito a “clienti scontenti“, “eventi specifici” o “incomprensioni“. Tuttavia, nel mio lavoro con vecchi collaboratori di Spagna e Italia, evidenziamo una serie di costanti che si allontanano dai risultati che promettono e che li avvicinano al polo del settarirismo. Così, ad esempio, i cambiamenti di solito riferiti dai parenti delle persone che  iniziano a collaborare ufficialmente, sono compatibili con quelli osservati in altre dinamiche in cui vi è un forte onere indottrinante: fare sempre più attività (lasciando da parte altri interessi o attività), iniziare a ripetere il gergo e le parole chiave del gruppo (con le stesse parole, con espressioni e frasi, cliché del gruppo), seguire le linee guida dello stile di vita che offrono senza metterle in discussione (cosa fare durante la giornata ogni giorno, quanto tempo dedicare a ciascuna cosa, ecc.), un’attività quotidiana dedicata alla società che finisce per essere estenuante (senza contratto e con ore infinite) e persino trasferirsi a vivere con persone della stessa organizzazione (come un modo per rafforzare la coesione del gruppo e il controllo sui collaboratori). Questo tipo di movimento si muove in un’area di intersezione tra seminari di vendita motivazionali, contesti di relazione settaria, new age, crescita personale e varie nozioni di PNL, così come dinamiche di gruppo caratterizzate dal “love bombing“. E un ambiente di gruppo molto carico emotivamente con attività di visualizzazione guidate. Sono laboratori in cui il lavoro di gruppo e l’uso di tecniche psicologiche (rilassamento, visualizzazione guidata, ecc.) che sono utilizzati per rafforzare l’effetto indottrinante, finalizzato all’installazione dell’idea essenziale del gruppo: registrare un numero maggiore di membri. Anche se il primo movimento di attrazione passa attraverso “la presentazione“, cioè una vistosa dimostrazione di tecniche mnemoniche che funzionano efficacemente, in un secondo momento vengono introdotte un rilassamento profondo, procedure per modificare l’umore con rilassamento accompagnato da musica, una visualizzazione stimolante per immaginare l’obiettivo da raggiungere (iscrivere più persone) e per “ancorare” le emozioni con le parole chiave del gruppo. Il discorso è diretto alle emozioni: non è quello di registrarsi per guadagnare più soldi, ma è “tu sarai in grado di cambiare il tuo pezzo di mondo” (anche se implica finire di lavorare dalle otto del mattino alle dieci di sera, per finire il giorno cenando con tutti gli altri collaboratori, lasciando la persona senza una vita personale al di fuori del gruppo). Finora, la struttura gerarchica di questa azienda contempla una serie di fasi da attraversare, che dipendono dalla misura in cui più persone vengono portate alle presentazioni: i “collaboratori” (che dovrebbero portare persone conosciute ai corsi), i “collaboratori ufficiali” (che hanno frequentato il corso Eagle e hanno iscritto 7 nuovi studenti), i “collaboratori professionisti” (che hanno iscritto circa 30 persone per i corsi) e possono poi proseguire la fase di “allenamento“, che è il modo per diventare un “istruttore“. Da quel momento, la persona diventa “potenziale“, quindi “assistente“, poi “capo centro“, poi “istruttori” e infine “affiliati” (nel nostro paese non abbiamo ancora questa cifra, al contrario dell’Italia, in cui è possibile accedere per chiunque abbia iscritto circa 1000 potenziali nei corsi). Sebbene gli istruttori assicurino che i membri vivano con le loro famiglie, la verità è che in pratica un numero significativo di collaboratori va a vivere in appartamenti condivisi con altri membri dell’organizzazione (a Barcellona, ​​ad esempio, l’istruttore vive con loro allo stesso piano). Inoltre, ex collaboratori che erano sulla strada della formazione per diventare istruttori, riferiscono di aver lasciato i loro studi o carriere; in effetti, tra di loro non esiste una qualifica universitaria (tranne per coloro che sono entrati nella fase di formazione una volta completata l’università).